• +39 351.805.47.40
  • info@staffassistance.it
  • Torno

Bonus Baby Sitter

Torna in bonus baby sitter cosa dice la legge? l decreto Ristori Bis a fronte del blocco delle attività scolastiche anche per i più piccoli  deciso dal DPCM 3 .11.2020 in alcune zone del Paese, ripropone due misure di sostegno alle famiglie con figli sia per i lavoratori dipendenti che per gli autonomi.  Dalla bozza del decreto , ancora non pubblicato in Gazzetta ci sono in particolare   due Art .13 Congedo straordinario per i genitori in caso di chiusura delle scuole secondarie di primo grado e centri assistenziali per ragazzi disabili Nelle aree definite di rischio alto  ai sensi dell’art. 3 del DPCM 3 novembre 2020, nelle quali sia stata disposta la chiusura delle scuole secondarie di primo grado, se la prestazione lavorativa non può essere svolta da casa “smartworking”, è riconosciuta alternativamente ad entrambi i genitori lavoratori dipendenti, la facoltà di astenersi dal lavoro per l’intera durata della sospensione dell’attività didattica in presenza. Questi periodi sono coperti da una indennità pari al 50 per cento della retribuzione, e della contribuzione figurativa. Il beneficio  è riconosciuto anche ai genitori di figli con disabilità in situazione di gravità accertata Legge  n. 104/1992, iscritti a scuole di ogni ordine e grado o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale, per i quali sia stata disposta la chiusura .  Art. 14   Bonus baby-sitting regioni zone rosse in caso di chiusura delle scuole secondarie di primo grado e centri assistenziali per ragazzi disabili .”Congedi covid, permessi 104 e Bonus Baby sitter” Nelle  Regioni caratterizzate da uno scenario di massima gravità e da un livello di rischio alto,  in cui sia stata disposta la chiusura dellescuole secondarie di primo grado, 
  1. i genitori lavoratori iscritti alla Gestione separata ,
  2. alle gestioni speciali dell’Ago, e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie,
hanno diritto  al bonus baby sitter per un massimo di mille euro da utilizzare  nel periodo di sospensione dell’attività didattica in presenza. ll bonus baby sitter è utilizzabile anche per i  figli con disabilità in situazione di gravità  (legge 5 febbraio 1992, n. 104), iscritti a scuole di ogni ordine e grado o ospitati in centri diurni a carattere assistenziale, per i quali sia stata disposta la chiusura
  • Come in precedenza viene erogato dall’INPS attraverso il Libretto famiglia.
  • Il bonus può essere richiesto da entrambi i genitori, nelle sole ipotesi in cui la prestazione lavorativa non possa essere svolta in modalità agile, ed è subordinata alla condizione che nel nucleo familiare non vi sia altro genitore beneficiario di strumenti di sostegno al reddito in caso di sospensione o cessazione dell’attività lavorativa o altro genitore disoccupato o non lavoratore.
  •   E’ disposto  anche nei confronti dei genitori affidatari.
  •  Il bonus non è riconosciuto per le prestazioni rese dai familiari. Questo aspetto e l’incompatibilità con lo smartworking differenziano questa misura  dalla precedente garantita dai decreti Cura Italia e Rilancio.
  •   La fruizione del bonus baby sitter è incompatibile con la fruizione del bonus asilo nido di cui all’articolo 1, comma 355, legge 11 dicembre 2016, n. 232.